Il batterio della Klebsiella: trasmissione e terapia.

Il batterio.

La Klebsiella può essere pneumoniae oppure oxytoca. La prima provoca danni a livello delle vie respiratorie come polmonite con febbre, brividi e emotisi cioè la presenza di sangue nella tosse. A livello polmonare la Klebsiella pneumoniae provoca una forte infezione che causa la formazione di pus in tutto il torace con forti dolori. Il progresso della malattia è molto rapido e può avere anche conseguenze letali. La Klebsiella oxytoca, invece, un infezione alle vie urinarie. Questo genere di infezione può essere scambiata con una normale prostatite o cistite. L’infezione può, ben presto diffondersi fino ai reni, provocando insufficienza renale, che diventa anche letale. Inoltre, la Klebsiella oxytoca può anche infettare il sangue che viene colonizzato dal batterio che in questo modo raggiunge rapidamente tutti gli organi del corpo.

La trasmissione.

Il modo in cui la Klebsiella trasmissione è per contatto diretto. Significa che non avviene per via aerea ma deve esserci un contatto tra il soggetto infetto e quello sano. Il batterio della Klebsiella non colpisce tutti i soggetti ma solo quelli a rischio come quelli affetti da diabete o quelli con problemi di alcolismo. Sono a rischio anche i pazienti che hanno subito un intervento chirurgico anche di routine e anche quelli che hanno catetere o sondini per l’alimentazione artificiale. La Klebsiella trasmissione avviene grazie a dei vettori che sono rappresentanti dal personale medico sanitario e ausiliario che visita i pazienti. Le loro mani sono il mezzo perfetto per raggiungere nuovi soggetti.

La terapia.

La cura prevede la somministrazione di antibiotici che possono anche essere usati in combinazione tra loro per massimizzare l’effetto sul batterio. Gli effetti collaterali collegati sono però forti e spesso si tratta di antibiotici difficili da reperire. La mortalità è purtroppo molto alta: il 50% di chi è contagiato. Nei soggetti con problemi di alcolismo la percentuale si alza fino al 100%.

Per conoscere tutto in merito al batterio della Klebsiella, basta fare click sul sito interemente dedicato klebsiella.it .